lunedì

Ftp Chiunque mi possa dare il link ad un sito dove si scarica un programma per ftp decente, aggratis e senza limiti di tempo (tipo i 30 giorni) avrà la mia riconoscenza. Io ultimamente non riesco più a trovare un cazzo su internèt e aggiungendo il fatto che mooolto spesso la connessione salta, i miei coglioni stanno girando vorticosamente.

|

Il gioco del maniaco

Dovete sapere che io soffro tanto il sollettico: basta che mi appoggiata, ma che dico, basta che avvicciniate il dito al mio finaco e io mi accascio, timorosa che qualcuno mi faccia il sollettico.
Yoshi lo so e ne approfitta per giocare allo psicopatico e alla vittima sequestrata. A me come gioco non piace tanto, perchè lui diventa inquietante.
Ma come funziona questo gioco?
Prima di tutto vi serve una ragazza che soffra il sollettico.
A questo punto vi sedete vicini, sul letto o sul divano, come se niente fosse; le mettete una mano sul fianco e le fate il sollettico per qualche secondo, quel tanto che basta perchè lei si raggomomitoli, si agiti e vi dica "Dai, piantala!".
Questa frase sancisce l'inizio della fase psicho: dovete guardarla negli occhi e dirle, con la voce calmissima "Shhhhh...va tutto bene. Stai ferma e non ti succede niente".
La prima volta che lo farete lei vi manderà a fanculo e cercherà di divincolarsi, ma voi le rifarete il solletico e le direte "No...perchè fai così? Io non sto facendo niente, stai facendo tutto tu. Se tu non ti muovi e stai calma non succede niente"
Sicuramente lei cercherà di liberarsi e si metterà a strillare cose tipo "Lasciami! Aiuto!", al che le direte: "Shhhh...non urlare...stai buona e non ti succede niente"
A questo punto lei cercherà di stare buona, vi asseconderà cercando di guadagnare tempo per riuscire ad andare via, finchè non le viene l'ideona di dirvi che deve andare in bagno. Naturalmente la risposta è "No...andiamo dopo". A questo punto, quando le farete il sollettico a sorpresa, lei cercherà di liberarsi tirando calci, cercando di mordervi la mano, ficcandovi le unghie nel braccio, cosa che sancisce la fine del gioco
"Cazzo! Mi hai fatto male!"
"Oh, 'fanculo, non mi piace sto gioco, mi fa paura"

NB: la paura aumenta quando siete in una stanza d'albergo: vi sentite veramente la vittima di qualche maniaco.

|

Federalismo nella pratica Stanotte ha nevicato forte ma per fortuna in provincia di Verona hanno sparso il sale; passi il confine ed entri in quella di Padova e inizi a surfare sopra una lastra di ghiaccio.

|

Cioè...

I know, how I feel when I'm around you,
I don't know, how I feel when I'm around you,
I know, how I feel when I'm around you,
I don't know, how I feel when I'm around you,
Around you.

|

domenica

Barbara

Rileggo il post qua sotto e non posso non pensare che Barbara è figlia nostra. Non ci dobbiamo lamentare se al mondo esiste gente simile: l'abbiamo foraggiata noi.
Potevamo guardare meno merda pressata in tv, potevamo votare meno merda pressata, potevamo farci abbindolare meno a partire dal porco che con i bagagli volò in Tunisia e via a catena fino a Barbara che non fa altro che raccogliere i frutti della nostra idiozia. Barbara è Barbara grazie unicamente a noi.
Barbara è la figlia della nostra idiozia. Guardiamo la tv forza, tutti a ridire delle schifezze che fanno in tv, tutti a dire ommioddio dove siamo arrivati, e però restiamo lì seduti a guardarla, male non fa vero?

|

Effetto Barbara

"Milano Young", un'associazione di giovani (fra gli altri, Gilda Moratti, Giovanni Tronchetti Provera, Francesca Versace) "che condividono il desiderio di operare nel sociale", nata "come reazione emotiva alla catastrofe dello tsunami"

"La mia passione rimane Vasco Rossi. Mi piace sia la musica che i testi, perché sono semplici e corrispondono alla vita di ogni persona". Ma se le si chiede quale sia la sua canzone preferita in assoluto, risponde Fly me to the moon, di Frank Sinatra: "Perché le parole Portami sulla luna mi danno la possibilità di viaggiare con il pensiero. La ascolto quando mi voglio allontanare dalla quotidianità"

Papà è "Una persona che sa mettere gli altri a loro agio, disponibile, molto generosa". Papà più volte le ha proposto di collaborare con lui. "Ma non ho mai accettato - racconta - perché devo ancora lavorare moltissimo su me stessa. Avrei potuto passare più tempo con mio padre. E' sempre preso da tantissimi impegni, ed è difficilissimo stargli dietro"

Qui la versione completa.

|

venerdì

Scusate l'intrusione

Esperti informatici amici di Yoshi, qui c'è bisogno di voi.

|

Sakoku



All'inizio del XVII secolo Tokugawa Ieyasu riunifica completamente il Giappone sotto la sua autorità; da un'unita formale sotto l'Imperatore, il Giappone acquista un'unita reale sotto Ieyasu che, dopo aver sconfitto tutti i nemici, nel 1603 viene proclamato shogun ("generalissimo") dall'Imperatore (fonte primaria, anche se simbolica, dell'autorità). La famiglia Tokugawa deterrà il potere, tra alti e bassi, fino al 1868, anno della Restaurazione Meiji.
Il periodo Tokugawa si contraddistingue anche per il cosiddetto sakoku ("paese chiuso"), ossia la politica di assoluta chiusura del Paese agli stranieri. Una serie di editti del bakufu (il governo dello shogun), da quello del 1633 all'ultimo del 1639, isola il Giappone dal resto del mondo fino al 1853, ossia quando l'arrivo delle navi nere del Commodoro Perry costringe sotto minaccia i giapponesi ad aprire il Paese dando inizio a quel breve periodo detto bakumatsu ("fine del bakufu") terminato con la Restaurazione Meiji del 1868 che porterà il Giappone ad una velocissima e strabiliante modernizzazione (= occidentalizzazione).
Durante la chiusura del paese gli unici europei autorizzati a commerciare con il Giappone sono gli olandesi, relegati però tra mille diffidenze e mille controlli in una concessione a Deshima (o Dejima), un'isolotto artificiale nella baia di Nagasaki.
Perchè la chiusura? E perchè la sola eccezione degli olandesi? Il regime Tokugawa aveva fondamentalmente paura dei missionari cristiani che durante il periodo precedente erano riusciti ad acquistare posizioni di potere e a convertire una parte certamente piccola di popolazione, ma sufficiente a temere per l'ordine dell'Impero (il cristianesimo è inconciliabile con la visione del mondo confuciana e porta un seme di eversione inaccettabile per le autorità giapponesi). Si credeva poi (a ragione!) che i missionari e i commercianti fossero solo l'avanguardia di un attacco militare che avrebbe ridotto il Giappone a una colonia delle potenze occidentali. Così la soluzione più razionale doveva essere quella di bandire il cristianesimo, vietare lo studio di libri occidentali, espellere tutti gli occidentali e vietare l'approdo di navi straniere; tutto al fine di preservare il sacro suolo giapponese. Gli olandesi erano tollerati per il fatto di aver dato prova di essere interessati unicamente al commercio, inoltre non essendo cattolici non avevano dietro il papato che per i giapponesi rappresentava la fonte di tutti i problemi che avevano dovuto subire a causa dei missionari gesuiti e francescani.
Guardando a quello che è successo per esempio all'India o alla Cina, si potrebbe dire che i giapponesi si salvarano dalla colonizzazione e da un futuro di sicura miseria. In parte è così, ma dobbiamo anche tenere in mente che il Giappone venne risparmiato soprattutto per il fatto di essere stato considerato fino al 1853 un paese periferico, secondario e di scarso interesse per le potenze occidentali.
Dal XVIII secolo il divieto di studio dei libri e delle materie occidentali si allentò e così si ebbe il fiorire del rangaku ("studio di cose olandesi", ossia di cose occidentali) concentrato innanzittutto a Nagasaki, dove si trovava il fondaco olandese, primaria fonte di informazioni. L'obiettivo era quello di ottenere, oltre a conoscenze culturali generali, informazioni in campi specifici come per esempio l'astronomia, la medicina o le tecniche militari. Gli "studi olandesi" erano strategici per il bakufu al fine di conoscere la situazione internazionale e per non trovarsi impreparato a, come si pensava, un'imminemte offensiva delle potenze occidentali.
I rangakusha ("studiosi di cose occidentali") tra mille difficoltà prepararono culturalmente il Giappone alla fase successiva della storia giapponese, ossia quella della modernizzazione grazie alla quale il Giappone divenne una potenza alla pari di quelle occidentali.

|

giovedì

L'internèt
è una truffa

Uno dice adsl e winmx e si pensa di poter scaricare qualsiasi ben d'Iddio. Ci hanno ripetuto fino allo sfinimento che sulla rete potevamo trovare tutto tutto tutto tutto e che c'era solo l'imbarazzo della scelta.
Palle!
Spiegatemi come mai io non riesco a trovare e conseguentemente scaricare questi album, dai spiegatemelo.
  • Out Of Breach di Mu
  • No Wow dei Kills
  • Kling Klang dei Tussle
  • Power dei Q And Not U
  • Scuola Furano dei Scuola Furano
  • Absence dei Dalek
  • The Red, Black & White dei BellRays
Mi son rotto il cazzo, non trovo niente. Ho i miei bei open nap ma non servono a una cippa.
Aiutatemi voi, aiutatemi a non spendere un capitale! Date qualche consiglio a questo povero sfigato e fate in modo che non diventi un ascoltatore indotto di Celentano!
Avete programmi alternativi a winmx? Ditemi il link dove scaricare allora. Emule ce l'ho ma non riesco a farlo andare... Avete open nap ggiusti? Datemeli! Regalate i suddetti cd? Sono qui!
Insomma, aiuto!

|

La citazione "Comunione, ma oggi soprattutto liberazione".
Dai commenti a questo post

|

mercoledì

From nowhere

Ti chiedi se abitiamo in un Paese per il quale andare fiero, se orgogliosamente dici ad uno straniero Sono italiano! Non lo so, io non mi sono mai posto questo problema, io cerco disperatamente di andare fiero solo di me stesso.
Un vecchio cantautore francese aveva scritto una canzone divertente, La ballata di quelli nati in qualche posto, nella quale si prendeva gioco dei mediocri che altro non hanno di che vantarsi se non l'essere nato in qualche posto famoso, se ci pensi tutto il patriottismo si fonda su quello: vantarsi di qualcosa che non richiede nessuno sforzo, cosa alquanto triste no? Se pensiamo che poi il passo seguente, automatico, diventa il nazionalismo sempre peggiore, beh, la cosa è ancora più triste.
Dicevo, essere fiero di essere italiano va bene per una serata in compagnia di amici crucchi, ma se il vanto continua nei giorni successivi, nei mesi e anni seguenti, beh, si entra un po' nella patologia secondo me. Da qualche anno sembra che la maggioranza degli italiani sia entrata nella patologia. Ovvio, quando le cose vanno bene siamo tutti cosmopoliti e aperti, quando va un po' di magra tiriamo fuori i nostri lati peggiori, e via con il chiamarla Patria e con tutti gli annessi e connessi. E dimentichiamoci pure il Ventennio, e dimentichiamoci pure dove ci ha portato la fede nella patria, il fottuto Destino Fatale.
La fede nella Patria è, appunto, una fede. Di derivazione dalla religione tradizionale, ne conserva i tratti irrazionali e illogici; e cristiddio oggi abbiamo un enorme bisogno di Ragione e di Logica.
Altrochè tricolore.

|

BOOM!!

  • Yoshi, non è che mi hai preso la sindrome da Peter Pan?
  • No no, ma cosa mi dici mai, anzi...
  • Mah, sarà... Ma questa tua nuova trovata mi perplime un attimo...
  • Quale scusa?
  • Beh, lo sai dai...
  • Ah, ti riferisci a quello. Ma sai, appena mio fratello quasi per caso mi ha detto che andava a prendere i biglietti per lui e per i suoi amici non ci ho pensato tre secondi e ho chiesto: "Posso venire anch'io??"
  • E così farai l'accompagnatore di quattro o cinque diciasettenni ad un concerto rock.
  • Guarda, questi mi hanno fatto scoprire il piacere estremo di certo rock pesante, sono fantastici, sono dei geni, sono...sono... guarda, ti canto solo una cosa: Eating seeds as a pastime activity. The toxicity of our city, of our cityyyyyyyyy..... E ti dirò di più, ho tempo fino al 30 maggio per allenarmi per un pogo serio e selvaggio, che Visnù me la mandi buona.

|

Outing Qui dichiaro finalmente chi sono realmente, è tutto vero! Sì...

|

martedì

Necropost Avanti il prossimo

|

No sport

Stefano ne ha già parlato qui. Io sono per l'eliminazione totale dello sport professionistico. Vuoi fare il calciatore? Ricorda che devi anche lavorare, nei ritagli di tempo potrai calciare il pallone.
Eliminazione completa di conseguenza: di tutti gli sponsor che pagano gli sportivi, dei diritti tv che danno soldi alle squadre, delle trasmissioni biscardesche che intasano l'etere (con i politici che discutono di calcio...). Pensiamo solo alle due conseguenze maggiori: un decisivo passo avanti verso il risveglio delle menti, la fine dei politicanti che si fanno belli dando circenses (Milan...) al popolo bue.
Cos'è lo sport oggi se non un immenso business amorale funzionale al Potere? Sì, lo so, son parole grosse: ma è così.
Cos'è lo sport oggi se non la più grande (insieme alla tv in toto) trappola per lo spirito critico? Non ci credete? Pensateci bene, esiste anestetico maggiore?
Come la spazzatura in tv non è cosa da prendere sottogamba a causa del potere che ha di attrarre la gente verso il nulla, così lo sport professionistico, ed in Italia soprattutto il calcio, è un'arma favolosa per tenere le masse lontano dal cervello.
Può sembrare solo una provocazione o un'esagerazione, forse lo è; ma ogni giorno che passa vedo sempre più chiaramente come Santa Maria del pallone dei Modena City Ramblers sia una canzone esatta.

|

Nerd prima di te

Ragazzino che giuoca alla Playstation, all'X Box o a qualche altra diavoleria moderna, quando parli con Yoshi ricordati che non stai parlando con una persona qualsiasi ma con uno che a suo tempo ha comprato (e ancora possiede):

La copia che davano comprando il Nes (Nintendo 8 bit) di Super Mario Bros e Duck Hunt (che spasso con la Zapper, che spasso!), la versione americana per Super Nes di F Zero


Ma soprattutto la versione giapponese per Super Famicom (Super Nintendo giapponese, che Yoshi possedeva) di Super Mario World e di Star Fox


Come sempre sono una spanna sopra tutti.

|

lunedì


Cliccando sull'immagine potrete tutti andare a leggere il meraviglioso post di FdC nel quale la suddetta apre il suo cuore e ci svela un episodio della sua gioventù che merita veramente di essere letto, ma veramente veramente!

|

Facile

Io, lo sapete, sono facilmente influenzabile, seguo la moda, seguo la corrente, in definitiva sono un pecorone.
Leggo un po' di blog qua e un po' di blog là, una rivista musicale qua e una rivista musicale là e tra tutti i tormentoni spuntano fuori questi ragazzetti londinesi che rispondono al nome di Bloc Party. Boh, cazzo saranno? Guarda caso posseggo una connessione adsl e guarda caso detengo (no, non il dottorato) winmx: scarichiamo Silent Alarm allora!
Scarico, ascolto, riascolto, penso. Bellini son bellini eh. Ritmo funkeggiante e rockeggiante, melodie a gogo, impatto sonoro elevato. Purtroppo sono troppo facili.
Già, le canzoni son troppo facili! Le ho già decodificate tutte, capite il mio dramma? Al terzo ascolto avevo capito tutto, nessuna novità, nessun angolo nascosto, è tutto tremendamente troppo semplice e troppo esposto.
Nessun elemento disturbante, nessuna canzone difficile, zero passggi ostici. La noia arriverà presto.
Bellini son bellini eh, un gruppetto bellino che potrebbe fare grandi cose a Sanremo se cantassero in italiano.

|

Annunciaziò annunciaziò

Macchianera è troppo mainstream? Ciccsoft è troppo banale? Gli altri multiblog sconosciuti vi provocano il vomito nero? Ma nonostante tutto sentite la necessità interiore di visitare continuamente un blog a più mani che vi faccia riderepensareparlarediscuteresognare?
Figliuoli ho la soluzione che fa per voi, sì. Un blog che vede la partecipazione di (per adesso) nove individui, nove blogger, di indubbio fascino e indubbia bravura, diversi tra loro, capitati quasi per caso in questa nuova avventura (ebbene sì, lo ammetto, c'è persino il sottoscritto).
Sì figliuoli, ho il piacere di annunciarvi che oggi si palesa un nuovo blog, il blog del futuro, il blog che tutti stavate inconsciamente aspettando.
Orsù, salutiamo tutti con un grande applauso il nuovo, scintillante, verde, simpatico, inestimabile e trendy (e in via di sviluppo)

Boney
il sostantivo monodose

|

domenica

Nicotina Domani sono tre anni che ho smesso di fumare e a volte ho ancora voglia, una voglia leggera e che passa molto velocemente ma pur sempre una voglia. Cazzo ci metteranno dentro quelle sigarette...

|

Download amaro Non mi viene in mente niente da scaricare o quello che ho in mente (per esempio Absence dei Dalek o Power dei Q and not U, sì, ancora loro) non lo trovo. E' un triste mondo

|

Contronatura Che diocane uno il sabato notte dovrebbe stare con la sua morosa a fare all'ammore e poi dormirci insieme e svegliarsi la domenica mattina e guardarla e baciarla e rifare all'ammore. E non tornare il sabato sera da Milano, no.

|

Intransigente Mi sono spesso chiesto se potrei essere amico (amico nel vero senso della parola, non solo conoscente) con una persona che la pensi all'opposto su varie questioni importanti, tipo un leghista o un cattolico devoto. La risposta è no. E' abbastanza triste ma è così. Certa gente la reputo completamente fuori dal mio orizzonte, non esiste, non merita considerazione alcuna. Berlinguer diceva Con un fascista non si parla, io dico Neanche con un leghista.

|

sabato

Best Seller Non vedo l'ora! Sto contando i minuti! Vai Giovanni Paolo vai! Noi papaboys saremo sempre al tuo fianco! Ma poi, l'avete notato quanto è fiko?

|

venerdì

Lunga vita

Penso che il problema originario degli uomini, quello dal quale derivano a cascata tutti gli altri problemi che gli uomini hanno tra loro e nei confronti del mondo (guerre, odii, distruzioni, inquinamento, miseria etc etc) sia la brevità della vita umana.
Se gli uomini vivessero mille anni starebbero bene accorti a non fare cazzate immani che pregiudicherebbero la loro lunga vita futura. Questo però non basta. Il periodo della vecchiaia (mentale) dovrebbe essere molto ridotto o assente del tutto. Gli uomini dovrebbero quindi vivere mille anni in giovinezza mantenendo la freschezza e lucidità mentale, la spinta rivoluzionaria e l'intraprendenza positiva. Tutto il contrario della gerontocrazia che governa il mondo e che pensa solo ai propri tornaconti e ai propri interessi.
Più idealismo e più giovinezza al potere uniti ad una lunghissima vita e il mondo sarà un paradiso; non per niente è un'utopia.

|

giovedì

Dopato di carotene Ti viene da pensare che forse mangi un po' troppe carote quando tua madre ti guarda attentamente e poi ti dice: "oggi hai la faccia un po' arancione". Sono io il vero coniglione.

|

Cat Day

Leggo qui che oggi è la Festa del gatto. Una gran stronzata ovvio, ma dato che io amo il mio Neko (ma non ditelo alla Yuki) voglio festeggiare questa occasione alla grande. Ecco quindi tre foto appena sfornate del mio ammore peloso (no FdC, non sei tu).

coccole

in search of food


flashato

|

Yoshi vi impara
Il terrorismo

Lo sapete no? L'ONU non riesce a sputare fuori una definizione netta di terrorismo, una serie di veti incrociati ha portato alla situazione attuale nella quale tutti possono darsi a vicenda del terrorista, tanto manco si sa cos'è un terrorista doc. Yoshi, magister elegantiorum e magister vitae, ha deciso di porre fine a questa incresciosa situazione che rischia di portare sempre più caos spiegando finalmente e chiaramente chi è e cosa deve fare un terrorista per essere chiamato in tal modo. Ovviamente tale definizione dovrebbe essere approvata con una risoluzione ONU, ci lavoreremo: il terrostista è quella persona (civile o militare), ente, organizzazione, Stato etc etc che attraverso una propria azione vuole deliberatamente causare feriti o morti tra la popolazione civile o minare violentemente l'ordine interno della società al fine di instaurare una dittatura.
  • Il kamikaze palestinese che si fa saltare per strada è quindi un terrorista? Sì. Se lo stesso si facesse saltare in una caserma israeliana sarebbe un terrorista? No, guerrigliero che combatte contro l'esercito nemico.
  • I cosiddetti anarco-insurrezionalisti che fanno saltare i tralicci sono terroristi? No, non c'è danno a persone.
  • I gruppi che in Iraq sequestrano le persone sono terroristi? Se sequestrano civili sì.
  • Gli Stati che bombardano le città nemiche possono essere definiti terroristi? Sì in quanto portano deliberatamente la morte alla popolazione inerme.
  • Gli Stati che finanziano gruppi terroristi (come gli USA con i contras o la Siria con i gruppi fondamentalisti) possono essere definiti terroristi? Sì, al massimo stati canaglia.
Bene, Yoshi vi ha spiegato chi sono i terroristi, contenti?
Si aspettano precisazioni, implementazioni, congratulazioni.

|

mercoledì

Chimica

Proseguo con i miei post poco interessanti per la maggior parte dei miei aficionados (credo) parlando un po' dei Chemical Brothers.
I fratellini chimici come fanno tutti notare sono al quinto album uguale ai precedenti. Se per un gruppo come i R.A.T.M. (leggi due post sotto) questo avrebbe significato il ridicolo, per i Chemicals il discorso è un po' diverso. Perchè? Boh, non lo so molto bene a dir la verità, forse un genere diverso che se fatto con maestria assoluta permette la ripetizione, forse, non so.
Sta di fatto che io mi sto ascoltando Push The Button ma potrei mettere Exit Planet Dust e non sentirei tutta questa grande differenza. Se lo possono permettere i Chemical Brothers in quanto sono dei gran professionisti di quella cosa chiamata big beat che allo Yoshi pischelletto faceva assai cagare ma che allo Yoshi giovane ometto piace non dico da matti, no, ma alquanto.
Certo, l'album migliore, quello venuto meglio, ce l'hanno anche loro: Dig your own hole, hanno pure quello venuto meno bene: Come With Us, invece Exit Planet Dust, Surrender e Push The Button stanno in mezzo. Molti affermano anche che il loro miglior album sia in realtà Brother's Gonna Work It Out, un dj mix album, ma sinceramente io non penso.
Ma qual'è la vera grandezza dei Chemical Brothers (e di Fat Boy Slim)? Quella di aver fatto scoprire a gente come me che vedeva nella musica dance solo merda e unz unz un mondo musicale con una propria dignità e bellezza, già, non è poco eh. Un'intera nidata di giovani hip hoppettari, punkettari, merdallari (copyright by Billigioia) si è salvata dall'ignoranza della dance music grazie a questi due pasticconi sopraffini; riflettiamoci, riflettiamoci.

|

64 Compila

Ecco a voi il riassuntino delle canzoni proposte nella ormai leggendaria prima serie della rubrica 64 Song. Se siete stati diligenti ora potete farvi un bel cd lo-fi con in copertina la mia foto e sotto la scritta Approvato da Yoshi. Se invece non avete scaricato tutto, beh, cassi vostri.
A breve la seconda serie con gustose novità (appena me le invento).
  1. cLOUDDEAD - Son Of A Gun
  2. Black Eyes - Deformative
  3. Assalti Frontali - Assalto Frontale
  4. Tv On The Radio - Young Liars
  5. Beck - Loser
  6. Sangue Misto - Clima Di Tensione
  7. Four Tet - She Moves She
  8. Rjd2 - Cut Out To Fl
  9. R.A.T.M. - Bombtrack
  10. R.A.T.M. - War Within A Breath

|

martedì

Riascoltare i R.A.T.M. oggi
64 Song (9) (10)

Tom Morello, l'incredibile chitarra dei Rage Against The Machine, a gruppo ormai disciolto dichiarò che ormai non aveva più senso andare avanti col gruppo dato che appena si entrava in sala di registrazione sapevano come avrebbe suonato il nuovo materiale, insomma, schiavi del loro proprio stile.
Ed è vero. Paradossale fine questa per un gruppo che ha creato a detto di molti (me compreso) l'album più innovativo, diciamo rivoluzionario vah, degli anni '90: Rage Against The Machine uscito nel 1992 (Sony Music) è stata una botta incredibile, qualcosa che capita veramente poche volte nella vita, un nuovo stile musicale era stato creato e noi lì ad inebriarci di potenza. Evil Empire e The Battle Of Los Angeles sono due dischi stupendi, fantastici, potenti e grandiosi ma un po' troppo simili al primo. Non c'è da biasimare i R.A.T.M. per questo, non si possono creare rivoluzioni a getto continuo.
Riascoltare questi tre cd oggi di seguito (escludiamo l'album di cover Renegades e il live) è osservare la parabola di un gruppo che doveva per forza essere breve, pena la banalità e la ridicolaggine di proporre all'infinito la stessa minestra. Dobbiamo quindi ringraziare le bizze da primadonna del cantante Zack De La Rocha che hanno sciolto il gruppo. A proposito del cantante, ormai non sento più parlare del suo fantomatico disco da solista al quale si è detto avrebbero partecipato anche Dj Shadow e un milione di altri calibri da 90. Riascoltiamo quindi i R.A.T.M. e paragoniamoli a quella merda immonda del cosiddetto nu metal alla Limp Bizkit, ovvio che non ci sono paragoni.
Ascoltiamo quindi Bombtrack, la prima canzone del primo cd, e War Within A Breath, l'ultima canzone dell'ultimo cd (esclusi sempre l'album di cover e il live). Un unico filo conduttore, un unico stile, un'unica energia, yeah.

|

Villo Ho comprato un rasoio elettrico nuovo, questo, dato che quello di prima era indecente. I miei pochi peli non vedono l'ora di provarlo.

|

lunedì

La faccia come il culo A me un Montezemolo che dichiara tutto soddisfatto e orgoglioso che la Fiat è finalmente tutta italiana fa ridere da matti. Ma come? Cercate di sbolognarla fino alla fine agli americani e questi pagano pur di non avere tra le mani un'azienda fallimentare e poi fate i fieri difensori del prodotto italiano? Ma andate a pulire rotaie in Siberia vah!

|

Crack! Ma da quanti giorni Iobloggo (il link non lo metto chè tanto non serve) è fuori servizio? Certo, è un prodotto artigianale molto valido, se solo qualche volta andasse.

|

LA FIESTA DE LOS CICCINOS

Solitamente i post picci-picci li scrive Yoshi, ma siccome devo farmi perdonare per essere piociosa (per i non venetofoni: "tirchia"), oggi ci penso io. Anche se so che l'unico modo per essere assolta passa per l'ingoio.

Adesso sono le 16.38.
Un anno fa ero nella magione bolognese di Yoshi a pomiciare sul letto, mentre Big G stava in sala a cercare un ristorante per portare fuori a cena la sua bella.
Un anno fa San Valentino era sabato, e io avevo organizzato un super piano da genio del male per andare a Bologna e starci fino a un orario decente del pomeriggio: "mammina, mammina! Questo week.end vado dalla Paola che è a casa da sola perchè io suoi sono andati a un ritiro religioso! Parto la mattina presto perchè i treni per Casale sono pochi il sabato e poi torno domenica pomeriggio"
In realtà la prode FdC avrebbe preso non il regionale per Lodi, ma l'IC per Bologna, per poi tronare la sera a Piacenza, dove l'aspettava la sua fedele amica Polly per ospitarla la notte.
In pratica il viaggio di San Valentino è stata la mia iniziazione al pendolarismo dell'Ammore.
Cosa ricordo di quel giorno? Dei frammenti.
- la ricostruzione della terrazza del Pincio vicino alla stazione
- il pizzaiolo psico del ristorante
- il fatto che io pensavo di preparare il budino San Martino il pomeriggio e invece niente perchè c'era Big G.
- la camera di Yoshi.
- Yoshi sull'autobus che continua a chiedermi perchè non resto e dice che sono cattiva a farlo stare tutto solo la sera, in una città che non è la sua.
- un lieve magone in stazione.
- come sono stata contenta di leggere poi la sera che il suo San Valentino più bello era stato quello.

PS: chiedete a Yoshi di farvi vedere il bigliettino

|

domenica

La mezzasega
c'est moi

Beh, io non ci vedo niente di male a portarsi il cuscino. Insomma, vai a dormire dalla tua ragazza ed ogni volta ti svegli distrutto (no, non per quello, maliziosi) a causa di quella merda di cuscino durissimo. Io non sono un tipo da cuscino sofficioso, ma neanche la pietra eh.
Ecco, quindi ho deciso di portarmi il mio cuscino, bello, caro, dolce cuscino mio. Può sembrare un gesto irriguardoso verso la famiglia ospitante? OK, no problem, lo nascondo dentro il borsone, tanto non c'ho un cazzo dentro.
Tutto contento mi metto a dormire (sì, anche per quello, maliziosi) certo di passare una notte tranquilla e serena, ho il mio cuscino, niente mi può scalfire. E inveze.
Mi sveglio la mattina seguente con un mal di testa che va in crescendo. Ovvio! In casa FdC vige il clima tropicale! Essendo io una mezzasega abituata al dolce frescolino salutare di casa mia, il mio organismo non riesce mai ad acclimatarsi alla sauna di casa FdC, specialmente durante la notte, una lunga notte in una stanza calda. C'è qualcosa di più malsano di termosifoni perennemente caldi? Non è normale che io in pieno inverno giri perennemente per casa in maglietta corta, ennò.
E così tutta domenica è passata con un bel mal di testa rincoglionante, evviva la caldaia.

|

Sono la maggioranza
sticazzi

Erano in pochi a chiamare Patria l'Italia.
Erano in pochi a dire "prima di tutto la sicurezza".
Erano in pochi contro immigrazione clandestina.
Ora mi si dice siano la maggioranza, purtroppo.

Intanto vorrei sapere da dove hanno tirato fuori tutti i soldi per deturpare con il faccione di Fini l'Italia intera. Ma questi cartelloni di un cattivo gusto unico hanno avuto il loro pregio: mi hanno fatto pensare a quanto "la sinistra" italiana sia stata sconfitta mortalmente. Sconfitta in quanto ha accettato passivamente (vedi per esempio l'ultimo congresso DS) tutta la retorica della destra e sta addirittura tentando di farla propria.
Chiamare un paese che ha conosciuto la dittatura fascista Patria penso sia quanto di meno auspicabile possibile. Meno nazionalismo c'è meglio è, non capisco questo tentare da parte di certa sinistra di rincorrere la becera retorica nazionalista della destra, l'immagine di un Fassino che sventola la bandiera italiana durante il congresso proprio non la capisco, a cosa serve? A rincorrere elettori? Mah.
"Prima di tutto sicurezza" me la devono proprio spiegare. Cosa vuol dire? Che la sicurezza viene prima dei diritti civili? Che in nome della sicurezza le libertà fondamentali possono essere accantonate? Che ci vuole l'uomo forte? Dai signori, spiegatemelo. Ma se la legge e l'ordine vi stanno così a cuore come mai state aiutando il vostro capo e i suoi amici a scansare tutti i processi? Cosa succede?
La sinistra poi sta mostrando tutta la sua debolezza sulla questione dell'immigrazione clandestina. Certo, a parole è contro la famigerata legge Bossi-Fini ma non è stata forse la sinistra in preda ad una spasmodica ricerca di consensi a varare la Turco-Napolitano che ha dato il via a tutta la merdaglia dei lager di prima accoglienza etc etc? Signori cari, se voi volete convincerci che l'immigrato senza carte sia un mostro assetato di sangue fate pure, ma noi sappiamo bene che il vero Male è altrove. E finitela con questi cartelloni patetici che ci fanno solo ridere; e piangere a pensare che oggi voi siete maggioranza e che la minoranza si sta maggiorizzando.

|

sabato

64 Song (7) (8)
due al prezzo di uno

She moves she di Four Tet, contenuta in Rounds (2003, Domino) è una di quelle canzoni che io definisco geniali. Con quel tocco inaspettato che la prima volta ti fa storcere il naso ma che ascolto dopo ascolto ami sempre più. Una bella e piacevole canzone elettronica, insomma, scaricatela e amatela. Una canzone che non passerà alla storia ma che avrà sempre un posticino nel mio cuoricino.
La seconda è Cut out to fl di Rjd2 contenuta in The Horror (2002, Def Jux). Anche questa una strumentale ma più virata verso sonorità hip hop, anche questa un piccolo gioiellino, secondo me eh. Dai, scaricate anche questa e fatemi contento.

|

venerdì

Federalismo

Un occhio (molto) distratto potrebbe pensare che il federalismo leghista (anche se non ho mai ben capito perfettamente cosa vogliano i leghisti) sia simile al federalismo proposto dagli anarchici (sempre che qualcuno sia a conoscenza del federalismo anarchico).
Il federalismo leghista si può riassumere in pochissime parole: creazione di microstati e conseguente moltiplicazione di gerarchie di potere ("governatore" della regione, polizia regionale, parlamento regionale etc etc). Insomma, con la scusa di "avvicinare il cittadino allo Stato" quest'ultimo si moltiplica e si rafforza creando sempre più figure alle quali "delegare" il potere. Il leghismo vuole dei piccoli re che governino con pugno di ferro la loro piccola landa.
Anche l'idea di federalismo anarchico si può riassumere in pochissime parole: eliminazione della gerarchia statuale e creazione di libere associazioni liberamente scelte. Là la moltiplicazione dello Stato in piccoli Stati, qui l'eliminazione dello Stato e al suo posto la libera federazione "dal basso" senza il bisogno di deleghe che nascondono la servitù.
Un'utopia? Molto probabilmente sì. Ciò non toglie, come dico sempre, che si può tendere all'utopia. Se il federalismo autoritario leghista trovasse piena applicazione brutti tempi ci si prospetterebbero. Non dimentichiamo infatti che sta già trovando applicazione quell'idea pericolosa che, per esempio, in Veneto ha portato alla creazione di un assessorato all'identità veneta che altro non è se non un tentativo di inventare una sorta di tradizione del popolo veneto del tutto fuori dalla storia.
Una tradizione inventata che blinda e cristallizza una cultura e una civiltà è la fine di quella stessa civiltà; ma tu vaglielo a dire ai leghisti.

|

Cronache autostradali
sorpassare sulla rampa

Io quelli che mi superano sulla rampa d'accesso o di uscita dell'autostrada non li capisco proprio, veramente.
Una volta entrati in autostrada li costringerei a fermarsi alla prima piazzola e farei loro un discorsetto. Innanzittutto chiederei loro se i tre dioboia di secondi che hanno guadagnato a scapito di un altissimo pericolo di incidente erano così fondamentali. Chiederei loro se gentilmente mi spiegassero dove porco il signore devono andare chè hanno così fretta da superarmi sulla rampa che immette in autostrada; rampa di massimo un cinquecento metri e ad UNA corsia.
Questi tizi sono l'emblema della stupidità senza attenuante, non meritano di vivere, sono un peso pericoloso per la società, sono schiuma. Cosa cazzo ci guadagni a rischiare la morte tua (che auspico) e mia per non guadagnare niente in termini di tempo risparmiato? Eh? Dai cristo crocifisso dimmelo!
Comunque. Dopo aver sentito con attenzione le loro ragioni e valutato in modo obbiettivo e oggettivo, tirerei fuori la mia Beretta e li gambizzerei seduta stante. Di seguito darei fuoco alla loro macchina e li butterei a peso dentro godendomi il falò ad una ragionevole distanza di sicurezza.

|

La malattia mentale Dalle 7.00 alle 7.30 mi alzo, faccio colazione, mi lavo, mi sbarbo, mi vesto. Dalle 7.30 alle 8.15 sto in piedi a darmi pugni sulla pancia per cagare. Alle 8.30, dopo aver cagato, posso uscire.

|

giovedì

Il punto Dire le cose come stanno non è semplice, a volte. Basta un nonnulla per essere frainteso e giudicato male, già. A questo punto quindi non è meglio restare in silenzio e comunicare attraverso sguardi; mica facile però. E poi, si deve per forza spiegare tutto? E a chi interessano i cazzi miei? Sono importanti i cazzi miei? Chi me li chiede i cazzi miei? Nessuno. Mi sto solo imponendo un auto-dovere alla mia cronaca; per qualche oscuro motivo io devo dire. Ma gli sguardi qui non servono a niente, gli sguardi sono impossibili. E allora rimaniamo in silenzio, il silenzio è d'oro.
Ma fino a quando? Non lo so. Un giorno, forse, parleremo.
mi è venuto un post intimista e non doveva esserlo, mi è venuto un post che può sembrare triste ma non lo è, insomma, avevo in mente un altro post ma è saltato fuori questo.

|

L'attuale politica

Non mi sento per niente un elettore del centro-sinistra nè un simpatizzante, tanto meno del centro-destra; tuttavia penso che voterò centro-sinistra, purtroppo.
Spero però che i radicali si alleino con il centro-destra. Guardiamoci in faccia, i Radicali oggi sono pienamente di centro-destra, una destra veramente liberale e laica, una destra non clericale nè oscurantista, insomma, una destra che potrebbe portare solo del bene dentro quel gruppo di baciabanchi viscidi della CdL, almeno si spera. Ma l'UDC (guarda caso!) non permetterà mai l'entrata di quei anticlericali dei Radicali che alla fine, mi sa, si accaseranno incongruamente nel centro-sinistra.
Il centro-sinistra è un'informe aggregato di arraffapoltrone litigiosi tra loro. C'è un leader senza partito che si sente continuamente messo in discussione da quelli stessi che cinque minuti prima l'avevano osannato; ovvio che per non fare la fine del primo governo Prodi, voglia le finte primarie per essere investito "dal popolo", fa benissimo direi. Se proprio dovrò votare l'Unione (il nuovo nome!) nel 2006, io andrò a votare anche alle primarie e voterò con somma schifezza Prodi, tanto per mandare un messaggio ai tipi come D'alema di smetterla di rompere il cazzo. Dice ah sei messo bene, ti appoggi a Prodi per andare contro D'alema, dalla padella alla brace. Già.
Sapete qual'è il problema? Che io non dovrei andare a votare. Il voto è un'illusione necessaria di libertà, ma pur sempre un'illusione. Ho scelto di votare? E ora mi turo il naso e tutti i buchi possibili e cerco di far vincere chi realmente ha delle possibilità di vincere. E' tutta una questione di realpolitik. Vogliamo liberarci di Berlusconi e i suoi? E allora si vota Prodi (anche alle primarie) e basta; finiamola con le pippe politiche.

|

mercoledì

Miracolo Ragazzi, non ci crederete ma finalmente sono diventato un utente di adsl. Ad un solo giorno dalle mie lamentazioni il miracolo è avvenuto. Son senza parole. Vi amo tutti, andate in pace.

|

Immolarsi nel fuoco

Una delle immagini che più sono rimaste impresse della guerra del Vietnam è quella dei monaci buddhisti che per le strade di Saigon tra il maggio e l'ottobre del 1963 si diedero fuoco cospargendosi di benzina per protestare contro il regime sudvietnamita (una di quelle foto è diventata la famosissima copertina del primo omonimo disco dei Rage Against The Machine).
Ma per gli asceti orientali questa estrema forma di protesta non è stata una novità di quegli anni, già dal V secolo abbiamo infatti fonti cinesi che attestano di asceti immolatisi col fuoco. Con i secoli è stato codificato un rituale che pur non essendo ufficiale è stato sempre scrupolosamente seguito: viene innalzata una pira di fronte ad una statua del Buddha, l'asceta di sera officia i riti e consuma una "ultima cena" con i monaci dopo il lungo periodo di isolamento; durante la notte arriva alla pira insieme ad un corteo, qui fa le ultime offerte di incenso e scambia le ultime parole con i fedeli impartendo un insegnamento e poi entra nella pira. Il monaco affronta impassibile il dolore fisico grazie ad un supremo controllo del corpo restando nella posizione della meditazione; lo stesso dà fuoco alla pira e mentre il fuoco divampa continuano a recitare testi di sutra, molto importanti sono infatti le ultime parole del monaco che si dice influenzeranno la futura rinascita.
L'esempio che gli asceti che si immolano col fuoco seguono è quello di Bhaisajya-raja (in giapponese Yakuo) che bruciò tra le fiamme, dopo aver mangiato grani di incenso, per onorare col fuoco e con profumi il Candra-surya-pradipabuddha che predicava il Sutra del Loto. C'è una grande differenza, per i monaci, tra chi commette seppuku (suicidio rituale dei samurai, detto anche harakiri) e l'immolarsi dei monaci. Chi commette seppuku agisce per se stesso, la morte è la soluzione ad una via senza uscita o l'espiazione di una colpa verso il proprio signore; con il seppuku il suicida recupera buona parte della sua dignità persa. La morte dell'asceta è diversa in quanto il monaco, dopo aver adempiuto ai suoi doveri, in una condizione di purezza e santità abbandona il corpo in un luogo e tempo stabilito, vincendo quindi l'arbitrarietà della morte. Il monaco grazie al suo suicidio diventa santo essendo egli diventato quasi un'offerta preziosa che i fedeli donano alla divinità; e qui ci sono analogie con Gesù che redime i peccati del mondo grazie alla sua crocifissione. Ma Gesù è divinità dalla nascita, i monaci diventano semidivinità grazie proprio al loro suicidio.

|

martedì

FORSE NON TUTTI SANNO CHE...

...a Yoshi piace Paris Hilton e ogni volta che vede la pubblicità di Guess dice "Che gnocca...". Sabato abbiamo visto "Zoolander", film dove Paris appare per 20 secondi: Yoshi ha fatto tornare dietro il DVD per vedere se aveva gli occhi marroni.

...Yoshi si farebbe Adriana Lima se lei glielo chiedesse.
Non dico che la Lima non sia figa, ma è una menarella viziata di prima categoria! Non si dovrebbero accettare le sue profferte sessuali: sarebbe come dirle "Sei figa, quindi puoi fare e avere tuti quelli che vuoi".
Insomma, accettare sesso da Adriana Lima (feticcio mass mediatico maschile) significa mettersi allo stesso livello di quelle che vogliono farsi Costantino pure se è una merda umana(feticcio mass mediatico femminile): sono cose che non si fanno.

MORALE:
Se una/o gnocca/o stronza/o vuole dartela/o, dille/gli di no e fai di questo mondo un posto migliore.
Ricorda: la rivoluzione parte dal basso

NB: Yoshi ha controbattutto in questo modo: "ma mentre facciamo sesso posso trattarla come una troia e umiliarla"

|

Adsl

FdC mi fa notare che ogni blogger degno di questo nome deve scrivere l'immancabile post sul suo problematico passaggio dalla linea normale all'adsl. Ebbene io non sarò da meno.
Sarò breve e tragico. Ad un mese e mezzo di distanza da quando mi è stato recapitato il pacco con dentro tutto l'occorrente per una connessione adsl wireless da strafigo, Libero non mi ha ancora attivato la linea adsl. Capito gli infamoni? Ti mandano subito il router e compagnia bella in modo da farti sperare e sbavare immaginando il tuo nuovo mondo veloce e senza fili ma la linea te la attivano minga.
Tutto fumo e niente arrosto. Sono solo chiacchere e distintivo. In un paese normale questo non succederebbe. Ci pigliano per i fondelli. Quando c'era Lui l'adsl arrivava in orario. Non ci sono più le linee telefoniche di una volta.
Ecco, dopo aver espresso l'indignazione di prammatica non mi rimane che dire una cosa: ero certo che la cosa non sarebbe andata liscia, il travaso di bile l'avevo messo in conto, purtroppo.

|

lunedì

Memoria storica I Wu Ming sulla tanto sbandierata fiction sulle foibe. Merita una lettura.

|

Due esempi notevoli

Dovete sapere che molto vicino a casa mia, purtroppo, si trova una caserma della Folgore, gran bella combriccola di fascistoni. Ma lasciamo perdere il fattore ideologico/politico, non ci interessa ora. Voglio solo raccontarvi due esempi di maleducazione di due appartententi a tale gruppo di disoccupati con il fucile.

Nel mio palazzo, purtroppo, vive il primo esempio. Costui parcheggia sempre, e dico fottutamente sempre, la sua merdosa Lancia rossa tamarra non nell'ampio parcheggio davanti casa, no, troppo semplice. La sua merdosa Lancia rossa tamarra viene parcheggiata sulla strada davanti al parcheggio (distanza dal suddetto parcheggio: un marciapiede posto in mezzo), uscendo dal parcheggio, se una macchina è parcheggiata dove la parcheggia lui, non si vede un cazzo, bisogna immettersi in strada sperando che da destra non venga nessuno. Venerdì scorso, esasperato, stavo chiamando i vigili urbani per segnalare loro questo fatto ma mia madre mi ha fermato promettendo che "ne parlerà il papà quando c'è la riunione di condominio".

Il secondo esempio vive nel palazzo di fronte. Costui è un quasi sessantenne obeso che passa la sua vita fuori dalla caserma a fumare nel suo balcone al primo piano. Niente di male per carità, peccato che all'hobbie del tabagismo associ enormi, innumerevoli e disgustose scatarrate che non si risparmia di far sentire a tutto il quartiere. E' un vero spettacolo per gli occhi e le orecchie sentirlo, per esempio, in estate; immaginate la scena: mattina, si beve il caffè guardando fuori dalla finestra, silenzio assoluto, ed ecco questa palla di grasso e muco che esce con la sua invidiabile canottiera a coste e inizia il suo concertino ben contento del silenzio riservato solo a lui, e giù a scatarrare, e giù a sputazzare materiale verde. C'è un modo migliore per iniziare la giornata?

|

domenica

La scuola in Giappone

In Giappone esistono direttive nazionali per i programmi d'insegnamento nelle scuole elementari e medie. I testi scolastici inoltre devono essere approvati dal Ministero dell'Istruzione. Tutto ciò rende l'insegnamento estremamente controllato e "conservatore". Molti eventi storici sono infatti scandalosamente taciuti, come ad esempio la strage di Nanchino ad opera dell'esercito giapponese o la battaglia di Okinawa.
Le università si dividono in statali, municipali e private, a seconda della provenienza delle loro principali fonti di finanziamento; tuttavia anche le università private ricevono un sussidio statale. L'esame di ammissione all'università costituisce uno degli eventi centrali della vita di uno studente e determina tutta la sua carriera futura. Al momento della domanda di ammissione lo studente deve scegliere la specializzazione poichè gli esami variano a seconda delle facoltà.
Non è insolito che uno studente che non sia riuscito ad essere ammesso in una buona università frequentare per un anno una scuola intensiva (yokibo) che lo prepari per un nuovo tentativo. Addirittura molti studenti delle superiori frequentano queste scuole di sera o nei fine settimana.
Quindi il sistema scolastico giapponese è diverso dal nostro. Là l'ostacolo maggiore è entrare, qui uscire. Là la selezione è all'entrata, qui all'uscita. Là è tutto un gioco di causa-effetto: buona scuola elementare-->buona scuola media-->buona scuola superiore-->buona università-->buon posto di lavoro. Il sistema educativo giapponese è quanto di più stressante e mostruoso possa esistere. Non sono rari i casi di suicidi di ragazzini sfiancati dall'assurdo ritmo che sono costretti a subire; infatti oltre alle ore di scuola e doposcuola molto spesso devono frequentare, per un maggiore prestigio sociale, scuole di musica o praticare vari sport.
Insomma, c'è sempre qualcuno che è messo peggio di noi.

|

Non sa da fare

Meritate sommo biasimo da parte di Yoshi voi che
  1. Possedete una Fiat, soprattutto se Multipla. Ma avete topogigio in testa per prendervi dei bidoni del genere?
  2. Usate il termine "indie". Basta cristo! Ci avete frantumato i coglioni! Chi vi vuole?! Chi siete!?!
  3. Andate a mangiare al ristorante giapponese e provate solo il sushi.Fantasia al potere eh?
  4. Aprite un blog per trombare.Troppo tardi dudes, lo hanno fatto già in troppi, Yoshi compreso.
  5. Vi vantate di aver letto Siddharta di Hesse. Esiste un libro più insulso e inutile?
  6. Non avete il coraggio di dire che New Thing di WM1 è cosa modesta. Massimo rispetto per i Wu Ming (lo sapete che sono un WM-ultrà no?) ma questo lavoro solista lascia perplessi.
  7. Rifiutate di accettare il fatto che i DS sono tutto fuorchè "di sinistra". Tu guarda D'Alema e Fassino e poi prova a non piangere.
  8. Siete di Rif Com e nonostante ciò lecchicciate il culo al papa ogni giorno. Uè Bertinotti, ma che cazzo fai?
  9. Ascoltate i Mars Volta...e vi piacciono! Cristo, l'angoscia fatta musica, whatever happened to my At The Drive In?
  10. Guardate la spazzatura in tv e vi giustificate dicendo "voglio vedere dove si può arrivare". Certo certo, e ditelo che vi tocchicciate con il poster della Lecciso in camera.
  11. Siete dei fieri portatori dell'ultima insana moda di rivalutazione degli anni '80. Esiste un decennio peggiore? Non penso.
  12. Non avete ancora capito che il massimo del cool è avere un calendario dell'Avvento appeso in camera fino a ferragosto. Indovinate di chi è questo.

|


One love.

|

sabato

Cinquantatre Sinceramente questa notizia ha solo rafforzato in me l'idea che il Lotto sia la tassa degli stupidi. Ci vuole questa grande scienza per capire che alla fine è impossibile guadagnarci? Vincere sì, può capitare, ma una persona che gioca regolarmente non guadagnerà mai. Ma ringraziamoli questi babbei che giocano, se non ci fossero loro magari le tasse sarebbero ancora più alte.

|

64 Song (6)

Estate 1994, il piccolo Yoshi compra tutto esultante il disco (oh yeah, un bel disco di vinile) di un gruppo che sembra, da quello che ha letto, sia proprio bravo: SXM dei Sangue Misto.
E da allora tutto cambiò.
L'apice dell'hip hop italiano si è raggiunto allora, triste dirlo ma è così. Un disco ingenuo e forse datato, ma il disco che ha fatto raggiungere la maturità a quella stramba e inconsistente cosa che è passata alla storia della musica come hip hop italiano.
Neffa (sì, quel Neffa), Deda e Dj Gruff con SXM hanno fatto un piccolo miracolo. E poco importa se ora il tutto suona come tremendamente superato; SXM, e più specificatamente Clima di tensione hanno abbandonato il piano musicale per entrare nell'empireo delle emozioni.
Essendo io (ormai ve ne sarete accorti anche da qui) un fottuto sentimentale, per la seconda volta la canzone è in 128 lussuosi Kbps invece che nei consueti proletari 64.

|

giovedì

Preghiamo
frateli

Apprezzate il fatto che finora (esatto, fino ad ora) non ho scritto niente sul malore del papa. Sul fatto che metà tiggì della sera dedicato a suddetto malore mi sembra francamente esagerato e fuori dal mondo, sul fatto che per un giorno intero la prima notizia di Repubblica.it fosse dedicata al papa, sul fatto che abbiano sgomberato due piani del Gemelli per fare spazio al papa (per la serie qualcuno è più uguale degli altri), sul fatto che non ne posso più di vivere in un vaticano allargato all'intera Italia abitato e dominato da personaggi così viscidi che mi fan sudare le mani solo a pensarci.
Ecco, apprezzate tutto questo, perchè il giorno (speriamo lontano, obviously) che il Santo Padre morirà e ci lascerà un grande vuoto dentro che difficilmente, molto difficilmente ahime, riusciremo a colmare, io so già cosa scriverò; colmo di dolore per la prematura dipartita di cotanto uomo di cotanta caratura (ricordiamo che solo contro tutti ha sconfitto il comunismo) io tra i singhiozzi scriverò

Morto un papa se ne fa un altro
purtroppo

|

Calderoli facci sognare! Non entro in merito alla questione di per sè complicata, ma vorrei soltanto aggiungere che oltre al paradiso dei finocchi siamo anche la terra delle patate lesse.

|

Il linguaggio è raro
estremamente raro

Mi sono spesso chiesto se si possa definire linguaggio quello tra due persone che in realtà non hanno niente da dirsi. Qual'è il fine del linguaggio? Scambiarsi conoscenze, almeno credo. E quindi tutti quei miliardi di oceani di frasi fatte, di banalità, di discorsi prefabbricati, di parole inutili, di discorsi di convenienza, ecco tutto questo è linguaggio? Io penso di no. Si tratta solo di suono fine a se stesso, vuota aria inutile, spreco di energia. Non sarebbe un mondo migliore quello nel quale due persone che si incontrano per strada, in ufficio, al bar, in edicola, al cinema etc etc e che non hanno niente da dirsi di significativo non si scambiassero effettivamente parola?
E invece no, mi si dice che l'educazione impone che io chieda al coglione di turno che ho davanti come va, tutto bene, bella giornata vero, chiamami, ci sentiamo, bla bla bla. No, io non sono fatto per queste cose, veramente, non me ne frega niente degli altri, veramente, non siete nulla per me. O meglio, mi interesso delle persone che conosco e che stimo; pincopanco che incontro ogni quindici giorni per dieci minuti perchè devo o per caso non fa parte dei miei interessi.
E così la maggior parte delle parole che emettiamo ogni giorno sono cosa vuota, stupida routine, non-linguaggio. Che tristezza butèi! Per quel che mi riguarda, ci sono stati giorni nei quali non emettevo una vocale e mi sentivo benissimo, gran bei giorni.
Purtroppo saranno solo un ricordo, il falso linguaggio alla fine vince sempre, e noi non comunichiamo realmente più.

|

mercoledì

Confessioni di una maschera Sì, stasera ho guardato I fantastici 5 e mi sono pure divertito, che vergogna.

|

Nuova Era?
no grazie

Non mi piacciono per niente le religione organizzate, no. Vedere questa massa di pecoroni che ascolta e segue un tizio vestito in modo indecente che propina loro le solite parole vuote da duemila anni e che officia strani culti del tutto pleonastici, bah, mi mette addosso tanta tristezza. Questi tizi che si credono i detentori della Verità e i depositari e vicari della divinità in terra non possono che starmi altamente sulle palle a priori. Che cazzo se ne fa un cristiano del prete ( o pastore, pope, patriarca, papa, predicatore, silvio berlusconi, mirabella, etc etc)? Non lo capirò mai, no.
Devo dire però che rifuggo schifato allo stesso modo anche dalle cosiddette religioni fai da te. Ecco, diciamo che penso che il 99% della new age sia un'abissale stronzata. Quello che non va nella new age innanzittutto è il merdoso esotismo. L'assunto stupido che ci fa prendere come grandi saggezze qualsiasi biscarata che venga, per esempio, dall'Oriente, questo gran mistero d'Oriente dove son tutti saggi. Prendi un po' di induismo, spalmaci sopra un po' di buddhismo zen, qualche banalità del Dalai Lama, mescola il tutto con un po' di Tantra et voila ecco quello che fa per te uomo occidentale bisognoso di spiritualità.
Cos'è la new age se non la perfetta religione dell'era del capitalismo avanzato? Banalizziamo e mescoliamo insieme filosofie e religioni con i loro bei millenni di storia, scriviamoci sopra un libro accompagnato da bastoncini di incenso e retine acchiappa-sogni e vendiamo il tutto ad un pubblico ignorante che si è stancato di dire la preghierina a gesù bambino.
Con questo non voglio assolutamente dire che io sia contro il sincretismo. Un conto è, per esempio, l'interessantissima unione in Giappone tra buddhismo e shinto (sempre a livello antropologico), un altro è vedere gente abbindolata da furbissimi guru de noantri. La religione, ateisticamente parlando, può essere molto interessante da studiare, ma io vedo la new age solo come una massima prostituzione e banalizzazione di religioni che hanno molto di più da dire. Se proprio volete avvicinarvi alle religioni dell'Estremo Oriente non fatevi abbindolare da robaccia scritta in due minuti e che fa più confusione che chiarezza.
E per piacere, non cadiamo nell'errore fatale che insegna la new age di dire che c'è un'unica divinità con nomi diversi: Dio, Allah, Buddha non fa differenza. Eh no cazzo! Sì che fa differenza! Penso sia un'estrema forma di sopruso quella di appiattire tutto a un unico grande volemose bbene. Ogni religione ha le sue grandissime peculiarità e unicità frutto di secoli di tradizioni diverse, diverse cazzo! Siamo diversi! Buddha con Gesù non c'entra un bel cazzo, ricordiamocelo bene.
Il mio consiglio finale: ateismo siempre.

|

Counter A cosa servirà mai il counter? Mi spiace, ma non ve lo posso ancora dire. Sappiate solo che sarà una cosa bella, ecco.
a stasera per un bel post contro la religione, tanto pe' cambià, credo

|

martedì

Goduria sonora Ma Dio Zibibbo ogni volta che sento l'attacco di Tribulations di Lcd Soundsystem mi viene un durello dalla felicità.
sì, se non l'avete capito ultimamente sono abbastanza infoiato con Lcd Soundsystem, ahhh son così indiemainstream (ossimoro apparente, potrei farci un post)

|

64 Song (5)

Se mi chiedessero quali sono l'artista e la canzone più rappresentativi degli anni '90 io non avrei dubbi: Beck e Loser di Beck. La prima cosa che mi viene in mente quando penso a Beck è smisiotto (mix). Io adoro Beck, veramente, lo venero, è un gran figo e un gran genio, può farti un cd in cui rappa sopra basi improponibili e un altro di ballate incredibili (Mutations sopra tutti).
Ecco, Loser è LA canzone dei '90, la sua canzone più famosa e qualla nella quale lo smisiotto è riuscito proprio bene. E' stata definita come la canzone portabandiera di una generazione, bla bla bla. Diciamo solo che è una meraviglia, il resto lasciamolo agli storici della musica.
Vi ricordo che il 5 febbraio (penso) uscirà il suo nuovo cd, accattatevillo.

I'm a loser baby, so why don't you kill me?
(chi non riconosce subito questo ritornello?)

|

Case brutte L'edilizia made in the '70 ha distrutto l'Italia (anche degli altri decenni a dir la verità...), colline belle come nu babbà sono storpiate da casermoni indicibili. Dall' A4 si possono vedere paesini sopra una collinetta con questi caseggiati cancrenosi che rovinano tutto, bah.

|