giovedì

P.P. (partito poltrona)
che mondo sarebbe senza Mastella?

Ci sono alcuni partiti che hanno una qualche sorta di funzione e che se non ci fossero molti elettori si troverebbero spiazzati e non sapendo chi votare. Certo, questo in linea di principio, dato che la realtà è tutto un altro paio di maniche, ma teoricamente l'idea fila. Metti Rifondazione, son comunisti; prendi i DS, rappresentano la sinistra rosata; guardiamo AN, incarna il sono fascista qui lo dico qui lo nego; i leghisti invece vogliono una Padania sovrana e blindata dal resto dl mondo.
Ci sono altri partiti poi dei quali francamente non riesco proprio a capire il motivo della loro esistenza. Abbiamo, per esempio, un Partito Repubblicano o i socialisti di De Michelis (ancora in giro è...) che non si capisce perchè non entrino in Forza Italia. Insomma, tutti partitini minuscoli che vivono solo e spudoratamente per una cosa: accattare poltrone.Non che gli altri partiti vivano di ideali eh, ma questi son proprio spudorati.
Ma chi è il re incontrastato dell'accattonaggio delle poltrone? Qual'è il politico che ha fatto dell'arraffa arraffa il suo credo e la sua missione? Sì, proprio lui: Mastella.
Tu guardi Mastella e non puoi non chiederti: ma che cazzo vuole questo? Puoi stare tutto il giorno a pensare per quale strano e bizzarro motivo il suo Udeur esista, cioè, ma quale progetto politico originale e diverso dagli altri partiti di centro (Margherita per il centrosinistra e Cdu per centrodestra) ha mai? Qual'è la missione ultima dell'Udeur? Che cazzo ce ne facciamo noi dell'Udeur? Perchè un partitino di uno zero virgola qualcosa percento pretende un presidente di regione e probabilmente alle prossime politiche un numero spropositato di candidati, sottosegretari e forse persini ministri? Cosa mi rappresenta l'Udeur se non la voglia di poltrona? A cosa mi serve l'Udeur? E poi, cazzo vuol dire Udeur?

|