lunedì

Sri Lanka
Contesa a lungo per il commercio delle spezie tra portoghesi e olandesi, la grande isola a sud-est del subcontinente indiano passò alla fine del 18° secolo sotto il controllo della Compagnia delle Indie britannica che vi impose il proprio monopolio commerciale. Nel 1802 l'isola divenne colonia della Corona e vide trasformare la propria economia in una tipica economia di piantagione, all'inizio caffè, successivamente the.
Le piantagioni richiamarono un gran numero di lavoratori dall'India meridionale, i quali erano omogenei per razza dravida e lingua e cultura hindu ai tamil che da millenni erano insediati nella parte nord-orientale dell'isola e che erano sempre rimasti distinti dalla maggioranza singalese dell'isola che vantava origini ariane e fondava la propria idetità sull'adesione al buddhismo. Questa immigrazione determinò nell'isola tensioni etniche e confessionali che purtroppo continuano ancora oggi.
Nel 1947 il potere britannico sul subcontinente indiano ha termine. Nascono due stati divisi e ostili, India e Pakistan; dopo pochi mesi anche lo Sri Lanka ottiene l'indipendenza inizialmente con il nome di Ceylon.

|