venerdì

The Eminem Show
La gente che parla di Eminem si può dividere in due categorie: chi lo prende sul serio e chi capisce che è solo un personaggio.
Quand'è che Eminem è diventato famoso in Italia? Quando è stato invitato al San Remo di qualche anno fa condotto dalla Carrà. Apriti cielo! La stampa iniziò a metterci in guardia contro questo autore di testi scandalosi e osceni, ovvio, è noto che in Italia la stragrande maggioranza delle persone capisce lo slang americano e si sarebbe potuta sentire offesa. Persino un noto politico recentemente trombato alla Commissione Europea (eh eh) all'epoca lanciò una campagna anti-Eminem accusato di essere omofobo, curiosamente lo stesso politico che definisce pubblicamente peccatori gli omosessuali. Risultato? Eminem ringraziò tutti per l'enorme pubblicità gratuita che iniziò a farlo vendere anche in Italia.
Eminem è il tipico artista americano bravo che fa entertainment. E' un personaggio, una maschera, non si prende sul serio lui e non lo prendono sul serio (o non dovrebbero) i suoi ascoltatori. Non è antisistema ma è tutto dentro il sistema. E', nell'accezione buona del termine, un pagliaccio, uno che fa lo sboccato e il ragazzo terribile perchè così vuole il copione; certo, il suo retroterra è terribile, ma può usare questo retroterra per dare una certa credibilità ai suoi pezzi, la famosa street credibility, fondamentale per non diventare alieno al suo pubblico. Un altro esempio di questo tipo può essere Marilyn Manson; chi realmente pensa che Manson sia satanista e induca i ragazzi a fare stragi a scuola dovrebbe rivedere il suo concetto di realtà, è più satanista Don Mazzi di Marilyn Manson. Eminem e Manson sono due esempi di puro show, molto americano.
Il fatto è che Eminem come rapper è davvero bravo, non il migliore ma uno dei migliori. Il fatto poi che sia bianco e che nonostante questo abbia un seguito tra i neri lo rende ancora più strano e appetibile di essere un fenomeno: la classica gallina dalle uova d'oro.

|