giovedì

Consumo insostenibile
Oggi ho tirato fuori il mio berretto di lana, questo, che da dieci anni copre il mio testone in inverno. Dieci anni con lo stesso berretto: sono un nemico della società.
Ce la menano ogni giorno che l'unico scopo per il quale Iddio ci ha mandato su questo terra è quello di consumare. E' il nostro imperativo: consumate santiddio! Potete morir di fame ma non smettete di consumare! Che tristezza, un'intera civiltà ridotta ad un'unica azione, quella di metter mano al portafoglio.
Sì lo so anch'io che se smettiamo di comprare stronzate l'economia va a puttane e noi con lei. Dicono che lo sviluppo non si deve fermare, altrimenti son cazzi per tutti. Sviluppo, parola alquanto subdola; ha ancora senso parlare dello sviluppo, come lo conosciamo noi, in questa era così ecologicamente sempre più disastrata?
Secondo il senso comune che ci comanda, il concetto di sviluppo è uguale a quello di crescita: ossia il nostro benessere è la capacità di produzione e consumo delle merci. Poi c'è un altro sviluppo, quello un po' così, un po' alternativo, cioè lo sviluppo sostenibile che ti dice che no, non abbiamo bisogno di una semplice crescita quantitativa, ma qualitativa e rispettosa dell'ecosistema: un insieme quindi di più fattori, sociali e ambientali. Il Compendio di geografia umana di Dagradi e Cencini (Pàtron Editore) ci dice che
"Lo sviluppo sostenibile è prima di tutto un sistema di obiettivi, quelli canonici sono essenzialmente tre: il primo è l'integrità dell'ecosistema, [...]. Il secondo obiettivo è l'efficienza dell'economia [...], l'efficienza è tanto più alta quanto più ridotto è l'uso di risorse non rinnovabili e quanto più intenso è l'uso di risorse rinnovabili [...]. Il terzo obbiettivo è quello dell'equità sociale."
Insomma, se andiamo avanti in eterno con questo attuale sviluppo, il mondo molto semplicemente cesserà di sopportarci, cioè siamo destinati all'estinzione. Possiamo stare qui a discutere se possiamo sopravvivere ancora per secoli o per millenni ma sicuramente con questo trend attuale siamo spacciati. Che in fin dei conti non è che mi dispiaccia molto eh! Infatti io concordo con quelli che dicono che gli esseri umani siano per la Terra solo dei virus. Solo che mi spiacerebbe per gli altri esseri viventi, poverini, loro non hanno fatto niente, che carogne che siamo!

|